Le donne muovono il mondo

Come ogni anno l’otto marzo ricorre la festa della donna, una festa che nel corso degli anni ha perso di tono trasformandosi in un evento commerciale a scopo di lucro.

La festa dell’otto marzo è stata istituita per commemorare la morte di un gruppo di donne che lavoravano in fabbrica e passate dall’altra parte del cielo in seguito ad un rogo.

La storia della festa delle donne risale infatti ai primi del Novecento. Per molti anni l’origine dell’8 marzo si è fatta risalire una tragedia accaduta nel 1908, che avrebbe avuto come protagoniste le operaie dell’industria tessile Cotton di New York, rimaste uccise da un incendio

Oggigiorno la figura femminile è svilita dalla tv e dagli altri media che sembrano mercificare l’immagine ed il corpo della donna senza etica né morale, sono lontani gli anni settanta quando si scendeva in piazza per rivendicare diritti e parità fra i sessi o anche il diritto all’aborto per togliere il velo a un’Italia puritana e bigotta dove la donna era asservita in modo totale all’uomo e vista come strumento di riproduzione e sfruttata nelle mansioni di lavoro.

Le donne in questi anni hanno fatto passi importanti anche se non beneficiano di una vera parità fra i sessi, basti pensare alle quote rosa in parlamento, alla direzione dei più  importanti cariche istituzionali, ma per esempio non abbiamo una donna che dirige una testata giornalistica nazionale; abbiamo le soubrette e le miss in ogni programma tv, per immagine solo per immagine così riempiamo il nostro immaginario di corpi femminili senza mai lasciare emancipare le donne stesse.

Condividi su facebook

Post Author: Massimo Gentile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

41 − 40 =