Umbras

Ocros nieddos

anneatos

de su bentu

ardente biu

chi nos contana

de sos locos attesos

e de sa zenti

unu tempus connota

ghettana

umbras e lughes

issas renas

chi aeddana chin su mare

de sa perdida sinzeridade.

Condividi su facebook

Post Author: Stefano Spiga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + 3 =